chevron_right
chevron_left
mappa interattiva, clicca sul punto nave per leggere gli articoli

Gli allievi del Vespucci sulla rotta di Copernico, Newton e Galilei

Per i futuri ufficiali visita a Cadice all’Osservatorio Astronomico di San Fernando e all’Istituto Idrografico


Pubblicato il 14/09/2017
Ultima modifica il 14/09/2017 alle ore 21:40

La sosta a Cadice, al termine della traversata oceanica dal Nord America nell’ambito della campagna d’istruzione 2017, è l’occasione per far conoscere agli allievi del corso Dunatos due istituti spagnoli che operano a stretto contatto con la Marina iberica.  

 

Una delegazione di nave Vespucci ha visitato l’Osservatorio Astronomico di San Fernando e l’Istituto Idrografico di Cadice. Due differenti occasioni accomunate dal prestigio storico e dal supporto fornito alla Marina Spagnola, che gli istituti stessi hanno dato nel corso dei secoli. Per capirne appieno l’importanza, basti pensare all’Impero commerciale creato dalla Corona spagnola dalle Indie occidentali al continente europeo, investendo con ottimi risultati nella ricerca tecnologica per gli strumenti di navigazione. 

 

 

 

L’Osservatorio Astronomico è stato per gli allievi un’assoluta scoperta, dove potere ammirare i sestanti, i cronometri marini e vari strumenti nautici risalenti anche al XVIII secolo, passando poi per la biblioteca storica con trattati astronomici, tra cui alcune delle opere di Copernico, Newton e Galilei.  

Giunti all’Istituto Idrografico, i futuri ufficiali hanno visto da vicino la produzione di carte e documenti nautici, fondamentali per rendere ancora oggi sicura la navigazione in tutti i mari del mondo, ripercorrendo le tappe principali della storia dell’Idrografia al servizio della navigazione.  

 

 

 

Nell’era del “digitale”, gli allievi hanno alla fine constatato che lo sviluppo tecnologico passa necessariamente nel solco delle tradizioni e nelle tecniche che da secoli continuano a fare da guida per il progresso scientifico.  

home

home