A Torino i predoni del cimitero: gioielli, monili e denti trafugati dalle salme, dieci indagati

Per 20 euro in più i necrofori alteravano la cremazione dei resti

La procura contesta i reati di vilipendio di cadavere (pena da uno a tre anni), furto (da sei mesi a tre anni)
e truffa aggravata (da uno a cinque anni).


Pubblicato il 24/11/2017
Ultima modifica il 24/11/2017 alle ore 14:57

Dal 2006 nei cimiteri di Torino sono state esumate migliaia di salme ma al deposito dell’ispettorato ragioneria del Comune sono stati consegnati otto monili in oro. Otto in dieci anni. I predoni del cimitero “spogliavano” i cadaveri portandosi via i gioielli, le collane, i bracciali e anche le protesi dentarie in oro. Tutto.  

Vilipendio di cadavere, furto e truffa aggravata sono i reati che la procura contesta a una decina di indagati nell’ultimo filone dell’inchiesta coordinata dal pm Laura Longo. L’indagine, i cui atti sono stati in parte depositati in un altro fascicolo, nasce nel 2015 per accertare la regolarità dei bilanci di Afc, la società che gestisce i cimiteri, e dei rimborsi spese ad alcuni dirigenti. Ora che volge al termine, investe alcuni necrofori e funzionari dopo un esposto presentato dalla stessa Afc su mandato del presidente Michela Favaro, nominata a febbraio dello scorso anno dalla giunta Fassino e confermata da Appendino.  

 

I CORPI “SPOGLIATI”  

Nella denuncia emergono fatti gravissimi sui quali i carabinieri del nucleo investigativo avrebbero trovato numerosi riscontri. Il primo: dal 2006 al 2016 moltissimi cadaveri sarebbero stati “spogliati” degli eventuali preziosi posti all’interno del feretro. Sarebbe successo durante le esumazioni ed estumulazioni. Si tratta delle operazioni di recupero dei resti a dieci anni dalla sepoltura in terra e a quarant’anni da quella in loculo: le bare dei defunti vengono aperte e si verifica lo stato di conservazione dei cadaveri. Prima, Afc avvisa le famiglie che possono decidere se lasciare che se ne occupi la società cimiteriale o optare per la cosiddetta “seconda sepoltura”. In dieci anni, quando alle operazioni partecipavano solo i necrofori, sono stati trovati appena otto preziosi. Quando invece erano presenti le famiglie dei defunti sono saltati fuori gioielli, orecchini, denti in oro.  

 

LEGGI ANCHE Si finse agente segreto per truffare 1,5 milioni di euro, ma non può essere giudicato  

 

Un’anomalia evidente secondo i funzionari di Afc che l’hanno denunciata. Anche perché in passato «era consuetudine riporre i gioielli all’interno del feretro», hanno spiegato agli investigatori. E quarant’anni fa «era molto frequente che i cadaveri possedessero protesi dentarie in oro». La logica conseguenza è che qualcuno si sia appropriato degli oggetti anziché seguire la procedura, che impone di custodirli in un deposito e catalogarli su un registro. Il sospetto era però difficile da provare: le operazioni di esumazione ed estumulazione avvengono in fossa e gli addetti circondano l’area con teloni per celare a chi visita i propri defunti una scena macabra. Durante le indagini, però, sarebbero stati trovati diversi riscontri.  

 

LEGGI ANCHE L’avvocato infedele inventava le sentenze  

 

LA TRUFFA SULLE CREMAZIONI  

Il secondo fronte dell’inchiesta riguarda la cremazione delle salme. È il passaggio successivo all’esumazione ed estumulazione e si basa su regole e procedure precise. Se i cadaveri sono scheletrizzati le ossa vengono riposte nell’ossario comune, oppure - se la famiglia se ne interessa - in cellette dove possono essere contenuti i resti di altri parenti. In quest’ultimo caso prima le ossa vengono cremate e la famiglia paga 750 euro: 500 vanno a Socrem, società privata che gestisce il crematorio, 250 ad Afc. Se invece il cadavere è ancora indecomposto, cioè non c’è solo lo scheletro, va cremato: la famiglia, ammesso che se ne occupi, non paga nulla eccetto la tassa comunale; tutti i costi, 210 euro, sono a carico di Afc. Quanto ai necrofori (un caposquadra e tre addetti), hanno un’indennità aggiuntiva di 20 euro a testa. Chi valuta lo stato del cadavere e decide per quale modalità optare è il caposquadra. Nell’80% dei casi analizzati le salme sono state considerate indecomposte: così i necrofori hanno ricevuto l’indennità, ma Socrem e Afc hanno patito un danno economico. Pesante ma soprattutto ingiusto perché i controlli effettuati e le indagini dei carabineri hanno dimostrato che quasi sempre - a differenza di quanto veniva riportato sui verbali - dei cadaveri era rimasto solo lo scheletro. E i necrofori avevano alterato i verbali per intascare 20 euro. 

Scopri il nuovo TorinoSette e abbonati

home

home