La cestovia è tornata a girare. In tanti al lago del Mucrone per assistere al taglio del nastro


Pubblicato il 23/12/2017

In tanti, si sono ritrovati questa mattina al lago del Mucrone per festeggiare la prima corsa della cestovia in «forma smagliante» dopo il restauro. Le 60 ceste si sono mosse sullo sfondo di un cielo dall’azzurro accecante e ora, per 10 anni, la salita al monte Camino è assicurata. L’operazione, dopo uno stop di un anno e mezzo, si è resa possibile grazie al sostegno di tantissimi biellesi che si sono mobilitati per sottoscrivere il crowdfunding con manifestazioni, iniziative, opere d’arte e donazioni.  

 

PAOGUA

 

L’atteso taglio del nastro, avvenuto nel piazzale sotto la partenza, ha visto protagonisti due bambini, Alice e Fabio, che simbolicamente hanno rappresentato il futuro dell’impianto. Gli Alpini hanno alzato il tricolore e il coro Genzianella, che ha cantato l’Inno d’Italia, ha preceduto l’avvio dei motori e la partenza delle prime tre ceste cariche di palloncini tricolore.  

In prima fila il presidente della Fondazione Funivie Andrea Pollono, lo staff di Oropa sport, il sindaco Marco Cavicchioli, buona parte della giunta, il consigliere delegato alla Montagna Riccardo Bresciani in rappresentanza della Provincia e il consigliere regionale Vittorio Barazzotto, insieme al presidente delle Penne Nere Marco Fulcheri che con gli alpini ha contribuito alla buona riuscita dell’operazione. Sono stati oltre 200 i biglietti staccati per l’occasione che, sommati i stagionali e agli ospiti, hanno portato al Lago oltre 300 persone. 

 

PAOGUA

 

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi