Fa commenti razzisti su Meghan Markle, sospesa la fidanzata del leader dell’Ukip

La decisione del partito anti Ue dopo frasi «scioccanti» in cui la modella definisce la futura moglie di Harry una «afroamericana che macchierà la famiglia reale con il suo seme aprendo la strada a un re nero»

Henry Bolton e Jo Marney


Pubblicato il 14/01/2018
Ultima modifica il 14/01/2018 alle ore 13:53

Il partito britannico anti Ue Ukip ha sospeso la fidanzata del leader Henry Bolton, l’ex modella 25enne Jo Marney, per alcuni commenti razzisti sulla futura moglie del principe Harry, Meghan Markle: lo scrive il Mail on Sunday. Il domenicale rivela in esclusiva alcuni messaggi «scioccanti» in cui la Marney definisce la Markle una «afroamericana» che «macchierà» la famiglia reale con il «suo seme» aprendo la strada a un «re nero». 

 

 

La modella, prosegue il domenicale, è stata «immediatamente sospesa» dal partito la notte scorsa, dopo che il Mail on Sunday ha allertato i leader dello Ukip sui suoi messaggi. Da parte sua, Marney ha chiesto scusa spiegando che i suoi messaggi sono stati «interpretati fuori dal contesto». Nei messaggi, inviati ad un amico tre settimane prima di iniziare la sua relazione con Bolton, Marney definisce inoltre Markle - che ha la madre nera e il padre bianco - ha una «donna di facili costumi». 

Si tratta di un’altra grana per il 54enne Bolton, già fortemente criticato dal partito per aver lasciato la moglie 42enne - con la quale ha avuto due figli - per la giovane ex modella conosciuta poco prima di Natale.  

 

 

L’ex candidato alla leadership dello Ukip, Ben Walker, ha già chiesto le dimissioni di Bolton, scrive la Bbc: «Lei ha distrutto la sua famiglia - ha scritto Walker rivolgendosi al suo rivale -; non distrugga anche la nostra famiglia politica». 

home

home