Amazon GO, apre al pubblico il primo negozio che elimina le code

Il colosso dell’e-commerce inaugura oggi il primo punto vendita che elimina le file alla cassa. Grazie ad un’app dedicata il costo dei prodotti ritirati dagli scaffali viene addebitato in automatico sull’account del cliente


Pubblicato il 22/01/2018
Ultima modifica il 22/01/2018 alle ore 08:40

Dopo cinque anni di sperimentazione e un anno di ritardo sulla data di apertura prevista, si inaugura oggi il primo punto vendita Amazon Go, al piano terra del quartier generale del gigante dell’e-commerce a Seattle . Il negozio non ha casse: i clienti possono entrare, scannerizzare il codice fornito da un’app dedicata collegata al proprio account Amazon, prendere i prodotti che desiderano e uscire. Tutto nel giro di pochi minuti. Grazie ad un complesso sistema di sensori e telecamere, accoppiato con un algoritmo dedicato, il prezzo degli oggetti acquistati viene addebitato automaticamente sul conto Amazon quando il cliente attraversa nuovamente i tornelli ipertecnologici all’uscita dal negozio.  

 

 

Un procedimento facile da descrivere, ma difficilissimo da mettere in pratica, come hanno scoperto gli ingegneri di Jeff Bezos durante il periodo di sperimentazione. Riuscire ad individuare con precisione il numero e la tipologia di oggetti acquistati è un’operazione complessa, dalle mille variabili, perché la procedura di acquisto in negozio non è sempre lineare. Un cliente potrebbe riporre un oggetto nello scaffale sbagliato, ad esempio, o il sistema potrebbe confondersi fra due avventori che si assomigliano o vestono allo stesso modo. Difficoltà tecniche che da Amazon dicono di aver già in parte superato grazie alla lunga fase di test aperta ai soli dipendenti dell’azienda.  

 

“Pensavamo originariamente che avremmo dovuto aprire al pubblico per ottenere il traffico necessario. Il traffico di clienti ci serve ad educare i nostri algoritmi in modo che possano imparare varie cose sull’assortimento e il comportamento dei clienti”, spiega Dilip Kumar, responsabile tecnologico del progetto. “In realtà la risposta da parte dei dipendenti Amazon è stata superiore alle aspettative, quindi non c’è stato alcun bisogno di affrettare i tempi, e siamo stati in grado di imparare quel che ci serviva con il solo programma Beta di Amazon”.  

 

Con l’eliminazione delle casse Amazon GO elimina ovviamente anche i cassieri. Ma per adesso il negozio automatico non sembra porre rischi per l’occupazione: nel punto vendita lavorano almeno otto persone (c’è anche una cucina per la preparazione di insalate e altri piatti pronti), più di quante ne servirebbero per far funzionare un normale minimarket di dimensioni analoghe.  

 

Kumar per ora non si sbottona sulla possibilità che la tecnologia di pagamento possa essere estesa agli Amazon Bookstore o ai punti vendita Whole Foods (la catena bio acquisita dall’azienda nel 2017 ). È chiaro però che se il primo punto vendita sarà un successo, il potenziale di espansione sarà enorme. Il colosso di Jeff Bezos potrebbe aprire un’intera catena di negozi Amazon Go, oppure concedere la tecnologia in licenza ad altre aziende della grande distribuzione. 

home

home

I più letti del giorno

I più letti del giorno