Stretta sulle strisce blu: gli ausiliari multeranno già al primo passaggio

Sanzioni 10 minuti dopo la scadenza del biglietto. Il Comune voleva azzerare la tolleranza, poi il dietrofront
REPORTERS

Nei giorni scorsi gli ausiliari di Gtt avevano scritto ad azienda e Comune preoccupati dalle nuove regole


Pubblicato il 26/01/2018
Ultima modifica il 26/01/2018 alle ore 11:42
torino

Dal 29 gennaio 2018 si dovrà procedere all’immediata (scritto in stampatello, ndr) compilazione della sanzione per tutti i veicoli sostanti in modo irregolare (assenza di pagamento, biglietto scaduto, ecc...)». Due righe, scritte in grassetto, inviate ai cento ausiliari alla sosta di Gtt e ai loro coordinatori, per annunciare una svolta che farà tanto piacere ai torinesi: da lunedì addio al quarto d’ora di tolleranza sulle strisce blu. Le multe scatteranno subito.  

 

In gran silenzio, senza che nessuno si premurasse di comunicarlo ai cittadini, Gtt, Comune e vigili hanno deciso di rivedere l’attività dei “vigilini”. E di eliminare quel che prevedeva un vecchio accordo del 1999: prima di multare un’auto sulle strisce blu senza biglietto o con il tagliando scaduto, si attendeva un quarto d’ora. Un lasso di tempo pensato per evitare certi inconvenienti: ad esempio il proprietario multato mentre è in tabaccheria a comprare i voucher o al parcometro. 

 

LEGGI ANCHE Il Tar dà ragione al Comune di Torino: legittima la stangata sul permesso di sosta  

 

Adesso cambia tutto. Almeno così sembrerebbe a giudicare dall’ordine di servizio inviato mercoledì e firmato dal direttore del settore parcheggi di Gtt, Gian Piero Fantini, in cui si parla di interventi operativi decisi «a seguito di confronto con l’amministrazione, con l’insediamento del nuovo comandante della polizia municipale». Insomma, ordini del Comune e dei vigili, se non fosse che - ieri sera alle 20 - saputo che la svolta oggi sarebbe diventata di dominio pubblico a Palazzo Civico sono precipitosamente corsi ai ripari. «Si eliminerà il doppio passaggio degli ausiliari, mantenendo una tolleranza di 10 minuti proprio per consentire agli automobilisti di dotarsi del titolo di parcheggio», spiega una nota firmata dall’assessore alla Viabilità Maria Lapietra. 

 

LEGGI ANCHE Sosta e viabilità in centro, si cambia: Ztl e parcheggi per residenti saranno più cari  

 

IL DIETROFRONT  

Morale, la soglia di tolleranza resta ma, anziché essere completamente azzerata, dovrebbe diminuire di cinque minuti, passando da un quarto d’ora a dieci minuti. Il condizionale è d’obbligo perché al momento Gtt non ha ancora modificato l’ordine di servizio ai cento ausiliari e ai loro responsabili. Lo farà, probabilmente, oggi. 

Il quadro che ne esce non è comunque dei più rassicuranti, dal momento che le nuove modalità di controllo sulle strisce blu sono note a chi di dovere almeno da martedì, quando i rappresentanti sindacali degli ausiliari hanno scritto ai vertici di Gtt, alla sindaca Appendino, all’assessore Lapietra e al comandante dei vigili Bezzon per protestare contro le nuove regole d’ingaggio. Per tutta risposta, il giorno successivo, la divisione parcheggi di Gtt ha inviato l’ordine di servizio che sarebbe dovuto entrare in vigore lunedì, spiegando anche il senso del provvedimento: garantire «una migliore incisività nell’accertamento delle violazioni». Tradotto: fare più multe e incassare più soldi. Evidentemente i circa 200 mila verbali staccati ogni anno dagli ausiliari non bastano. 

 

LEGGI ANCHE: Rifiuti, sosta, Ztl, ecco gli aumenti  

 

LA PROTESTA DEGLI ADDETTI  

Ora, invece, arriva il dietrofront che farà piacere ai torinesi e anche agli addetti di Gtt. Che erano preoccupati, l’avevano detto e pure scritto: temevano un aumento della litigiosità e delle tensioni con gli automobilisti, che già solitamente non reagiscono bene alla multa sul parabrezza, figurarsi quando scoprono che non esiste più la minima tolleranza. Poiché insulti (e pure qualche aggressione) non sono rari l’idea di peggiorare la situazione li preoccupava un po’.  

Torinosette ti porta al Palazzetto

home

home

I più letti del giorno

I più letti del giorno

Scemocrazia

Copyright © 2018